Contenuto pagina
Riserva Naturale Statale Gola del Furlo
Ente gestore: Provincia di Pesaro e Urbino

Censimento degli uccelli acquatici svernanti nella Gola del Furlo

Nel 2014 sono stati avviati i monitoraggi ufficiali dell’avifauna legata agli ambienti umidi nella Riserva della Gola del Furlo.

Si tratta di censire gli uccelli acquatici anche nella Riserva della Gola del Furlo, nell’ambito di due iniziative condotte a livello nazionale ed internazionale: il progetto CorMan ed il progetto IWC.

 

La garzaia di Calmazzo

Poco a valle della Riserva Gola del Furlo, su un’ansa del fiume Candigliano, in località Calmazzo, sorge una garzaia. Si tratta di un insieme di nidi che alcuni aironi costruiscono generalmente sugli alberi o in canneto. In questo caso la garzaia di Calmazzo è abitata nel periodo riproduttivo, prevalentemente dall’Airone cenerino, che ogni anno costruisce e sistema una ventina di nidi, dove alleva i suoi piccoli.

Pur non appartenendo formalmente alla Riserva, ne costituisce un’appendice sia in termini geografici che ecologici. Ecco perché è stata analizzata la popolazione di aironi che qui nidifica, e che spesso viene a mangiare all’interno della Riserva (e della ZPS IT5310029 “Furlo”).

Questa garzaia è una delle poche presenti in tutte le Marche, e per questo molto importante per la sopravvivenza degli aironi.

 

 

 

Copyright © 2017 Riserva Naturale Statale Gola del Furlo - Gestito con Docweb [id] - Cookie Policy Responsabile: SERVIZIO 6